Il concetto di tempo e spazio in Enrico IV e La gente della caverna: rispettivamente di Luigi Pirandello e Tawfīq Al-Ḥakīm

marwa abdel moneim abdel raouf mohamed tantawy 


Abstract


In questa ricerca si propone di condurre un’analisi parallela di due scrittori da due culture diverse e lontane, esercitatisi entrambi in tempi abbastanza vicini e modi non dissimili sugli scontri dell’uomo con i propri desideri e sulla lotta con il tempo e lo spazio in cui viene a trovarsi. Sarà un lavoro analitico che mira a scoprire, all’interno degli ambienti tratteggiati dai due drammaturghi, e fra i meccanismi degli eventi descritti, temi motivi e personaggi, l’essenza della relazione tematica e formale tra la vita e l’arte, del rapporto tra il teatro e la vita; oltre all’oscillazione tra il discorso astratto – filosofico e l’estetica dello straniamento. Il fascino, insomma, che nasce dal di fuori della comune esperienza, della vita italiana e di quella egiziana.


Other data

Other Titles The concept of time and space in Henry IV and the people of the cave: respectively by Luigi Pirandello and Tawfīq Al-Ḥakīm
Keywords Tempo-Spazio-Personaggio-Storia-Realtà-Verità- Classe e Società borghese-Realtà- -Amore-pazzia-piacere-straniamento-parola
Issue Date Jun-2017
Publisher Fabrizio Serra Editore, Pisa
Journal PIRANDELLIANA 
Series/Report no. issn 1971-9035;
URI http://research.asu.edu.eg/123456789/420


Recommend this item

CORE Recommender
4
Views


Items in Ain Shams Scholar are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.